Il documentario AOC di Netflix, 'Knock Down the House', potrebbe farti venire voglia di ribellarsi

Politica

O potresti voler correre per l'ufficio.



Di Lucy Diavolo

1 maggio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Al Pastor / REX / Shutterstock
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Abbattere la casa, un nuovo documentario in arrivo su Netflix il 1 ° maggio, si apre su una scena semplice: Alexandria Ocasio-Cortez, non ancora un rappresentante democratico di New York, che si sta truccando in uno specchio.



L'allora candidato (il cui labbro rosso firma è diventato famoso) discute le sfide di capire come presentarsi come donna politico, osservando che gli uomini in politica hanno un po 'più facile con le loro due scelte di un abito o una camicia con le maniche rimboccate.



È davvero un po 'prefigurante, come in una scena successiva, in un dibattito tra AOC e Joe Crowley, l'uomo che ha battuto nelle primarie democratiche, viene mostrato Crowley rimboccarsi le maniche di una camicia bianca mentre Ocasio-Cortez - che è andato per vincere le elezioni - consegna un'altra sua firma: un discorso appassionato.

Nel Abbattere la casamomenti comuni, intimi, mai visti prima dalla fortunata campagna primaria di Ocasio-Cortez contro l'operatore storico Crowley nel 14 ° distretto di New York sono comuni, ma il documentario segue anche le campagne di tre candidati democratici primari che hanno corso gare con quote simili, ma senza lieto fine. In ciascuno, una donna che è una relativa estranea sfida un uomo ritratto come parte dell'establishment politico.



'Quando abbiamo iniziato questo progetto, l'idea era quella di seguire i normali lavoratori che stavano correndo per il Congresso nelle liste di Brand New Congress e Justice Democrats', dice la regista Rachel Lears Teen Vogue. 'È una grande lotta per una persona normale passare attraverso quel processo se non l'hai mai fatto prima, e anche se l'hai già fatto prima'.

défi de feu qui a mal tourné

Usando la storia di AOC come un filo intrecciato attraverso le storie dei compagni di speranza di medio termine del 2018, in particolare Cori Bush del Missouri, Amy Vilela del Nevada e Paula Jean Swearengin della Virginia Occidentale, il documentario offre uno sguardo sfumato all'impatto degli intermedi del 2018, in particolare i ruoli di organizzazioni come Justice Democrats e Brand New Congress, che hanno contribuito a promuovere le campagne di tutti e quattro i candidati. Ma è anche uno sguardo alla natura storica degli intermediari del 2018 riguardo a chi ha deciso di correre e perché.

'Per me, l'idea di questo film è sempre stata quella di persone provenienti da diverse parti del paese e diversi percorsi di vita che tuttavia, come normali lavoratori in America, condividevano molta esperienza insieme', dice Lears. 'Volevo seguire quello che sembrava quando hanno costruito la solidarietà reciproca'.



Guardandolo, potresti sentirti costretto a candidarti per l'ufficio. O potresti voler ribellarti.

Il film, che ha debuttato al Sundance Film Festival quest'anno, è stato salutato come un 'documentario AOC' e un 'film sulla campagna Ocasio-Cortez', ma la deputata del Bronx non è il solo protagonista. Bush, Vilela e Swearengin sono tutti venuti meno nei loro sforzi per sconfiggere i Dems dell'establishment, ma le loro storie sono una parte essenziale dell'osservazione di un ciclo di medio termine che includeva numeri storici di donne e donne di colore che correvano e vincevano.

Le telecamere seguono la Bush di St. Louis mentre corre nel primo distretto del Missouri, che include Ferguson. È un pastore ordinato e un'infermiera registrata che, nel film, afferma che stava fornendo cure mediche sul terreno durante le rivolte del 2014 a Ferguson dopo la morte di Michael Brown. La sua campagna del 2018 cerca di sconfiggere Lacy Clay, che ricopre la carica dal 2001, quando è stato eletto per succedere a suo padre, che ha ricoperto il posto per 32 anni.

Annuncio pubblicitario

'Questo distretto è stato in grado di colpire il mondo intero - solo gente normale', dice Bush nel documentario, ricordando le rivolte che sono seguite alle riprese di un agente di polizia che ha lasciato Brown morto. Le persone 'normali' o 'quotidiane' sono un grido di battaglia sia per Bush che per AOC. In un'altra scena in cui Bush fa una campagna in un parco locale, dice a un potenziale elettore: 'Deve essere su di noi'.

Questo è ciò Abbattere la casa fa meglio: esplorare il modo in cui i candidati a metà mandato del 2018 hanno lavorato con la politica dell'identità per discutere di migliori condizioni materiali per le persone nelle loro comunità. Bush ne è un ottimo esempio, mentre sostiene un salario di sussistenza, un ampliamento di Medicaid, finanziamenti scolastici, riforma della giustizia penale e la fine dell'oleodotto scuola-carcere; Swearengin è anche un buon esempio, poiché assume il senatore Joe Manchin (D) nella Virginia occidentale, in gran parte su un singolo problema.

Manchin, che è stato eletto al Senato nel 2010, è noto per schierarsi con i repubblicani su cose come la nomina di Brett Kavanaugh alla Corte suprema e, a volte, il sostegno del presidente Donald Trump, ma non è la sua danza quadrata bipartisan a essere al centro di Swearengin campagna contro di lui. Invece, lo rastrella sui carboni a causa del carbone.

L'industria carboniera è stata a lungo una parte importante dell'economia, della politica e della cultura della Virginia occidentale. Manchin ha una lunga storia nel rimanere investito nell'industria carboniera, che ha devastato la bellezza naturale della Virginia occidentale attraverso l'estrazione mineraria in cima alla montagna e, nel farlo, ha avuto un impatto sulla salute della sua gente.

Il film segue Swearengin, che a un certo punto si definisce 'pazza da morire', verso un enorme sito minerario e attraverso la città di Coal City, dove nota casa dopo casa dove le persone hanno a che fare con il cancro, un fin troppo comune fenomeno nelle città del carbone. Swearengin dice che sta correndo perché 'Stiamo uscendo dal ventre della bestia, dando calci e urlando'.

L'ardente motivazione a lottare per migliorare la vita delle persone è un filo conduttore per tutti i candidati. Vilela, che corre nel quarto distretto del Nevada, ha un'ansia simile per assumere potenti forze che minacciano la salute. Per lei, l'impegno politico - e in particolare il suo interesse per Medicare per tutti - sono stati motivati ​​almeno in parte dalla morte di sua figlia all'età di 22 anni, dopo, dice Vilela, un ospedale non avrebbe fornito cure adeguate a causa della mancanza di assicurazione. In un momento emotivo, Vilela solleva il telefono con la fotocamera e dice: 'Questo (telefono) è un prodotto. La vita di mia figlia non era '. Aggiunge: 'Non permetterò a mia figlia di morire per niente'.

Il documentario è pieno di momenti emotivamente carichi come la dolorosa spiegazione di Vilela, che evidenzia come la sovrapposizione personale e politica; questi momenti si accompagnano anche a momenti della vita di tutti i giorni, come Ocasio-Cortez che dà alla sua compagna un momento difficile per mangiare tutto il gelato o ascoltare storie d'infanzia direttamente da sua madre, Blanca. Questa potente energia emotiva è ciò che mantiene motivati ​​i soggetti del documentario. Queste emozioni culminano in scene di quattro sere elettorali, tre delle quali non finiscono con vittorie per i soggetti del documentario.

'Mi interessavano sia le storie personali di come sembra trasformarsi in un candidato praticabile, sia quello che implica il nostro processo politico', afferma Lears. 'Volevo raggiungere gli strati di profondità politica che potresti esplorare su come funziona il potere e su come il denaro in politica si interseca con la rappresentazione in politica, e come appare davvero quando le comunità che sono state sottorappresentate per così tanto tempo hanno nuove opzioni tra cui scegliere '.

Annuncio pubblicitario

Ormai, non è uno spoiler riferire che Bush, Swearengin e Vilela sono rimasti a corto nelle loro primarie, anche se non senza attirare buoni voti di voto. Il dolore di questi momenti è inevitabile; dopo aver seguito queste donne nelle loro determinate strade per le elezioni primarie, le loro sconfitte sono schiaccianti per chiunque nel pubblico stia tifando non solo per tiri politici lunghi, ma per tre donne che credono chiaramente di poter rendere il mondo migliore per le persone.

Dopo la perdita di Vilela, le telecamere catturano una telefonata tra lei e AOC, che dice al candidato del Nevada: 'Per farcela passare uno, un centinaio di noi deve provare'.

Ocasio-Cortez è, ovviamente, la candidata in questo film che supera le sue elementari, ma non è sola al Congresso, dove si unisce a donne progressiste di tutto il paese. Una scena vorticosa della sua famosa festa delle elezioni primarie mostra il candidato che corre letteralmente per entrare quando si rende conto che le cose potrebbero effettivamente andare per la sua strada. La vittoria è un balsamo sull'ustione delle altre tre primarie; è una storia redentrice sul fatto che il potere della politica progressista possa o meno risuonare con gli elettori.

'Tutti hanno cambiato la conversazione nel distretto e hanno portato avanti la nostra conversazione nazionale in modi molto importanti', dice Lears di Bush, Vilela e Swearengin. 'Le perdite sono importanti tanto per la storia quanto la vittoria (AOC)'.

Nella scena finale, pochi giorni dopo la sua elementare, Ocasio-Cortez e la sua compagna che mangia il gelato, Riley Roberts, visitano Capitol Hill. AOC racconta la storia di una visita a Washington, DC, come una ragazza con il suo defunto padre, che il pubblico vede nei film casalinghi all'inizio del film. Mentre si guarda intorno alle varie sale del potere che abitano Washington, racconta in lacrime al pubblico ciò che suo padre le aveva detto in quel viaggio anni prima: 'Tutto questo appartiene a noi. Questo è il nostro governo '.

'Non sapevo quale sarebbe stata la fine del film', dice Lears della scena finale in D.C. 'Era mezzogiorno a luglio a Washington e non c'era nessuno. Alla fine è stato questo scenario visivamente davvero affascinante '.

'Ho pensato che sarebbe stata un'esperienza emotiva per lei', dice Lears Teen Vogue di AOC ', proprio di fronte al Campidoglio, quella letterale casa del potere. E quella che è venuta fuori è stata una storia personale che ha davvero legato tutti i temi principali del film '.

Guardando Ocasio-Cortez negli ultimi momenti del documentario mentre corre in giro per il Campidoglio con un enorme sorriso sul viso, si potrebbe quasi essere perdonati per aver creduto al nostro governo, così spesso una forza di oppressione piuttosto che una risposta ad esso, potrebbe finire nelle mani giuste un giorno.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Resistenza, ribellione, rivoluzione: cosa sono e come si intersecano