Per sempre 21 è ora in bancarotta. Ecco cosa ho imparato a fare acquisti lì.

Stile

Un inno al negozio migliore e peggiore della mia giovinezza.

Di Ellen Ricks

9 ottobre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Prima che lo shopping online diventasse la norma, avrei contato i giorni fino allo shopping di ritorno a scuola al centro commerciale. Sono cresciuto in una piccola città rurale nello stato di New York e ogni viaggio al centro commerciale, che era a un'ora di distanza, mi è sembrato un piacere. Quando le uniche opzioni di shopping che hai in giro sono Walmart e Sears, è stato bello entrare in un negozio che sembrava creato per te, non un posto dove si compra una maglietta insieme alla spesa. Per me, quel negozio era Forever 21, l'epitome di stile e stile per me adolescente.



façons de masturebait

Ricordo molto vividamente la mia prima esperienza nel negozio, parti uguali travolgenti ed emozionanti. Ho scavato tra le rastrelliere imbottite come un avventuriero in cerca di tesori, tirando fuori capi di abbigliamento in cerca del 'look' perfetto, ovvero qualsiasi cosa Blair Waldorf indossasse. Mi sentivo così bello e cresciuto mentre provavo abiti, jeans strappati, fasce per la testa e top con paillettes.

projets à sens unique

Foto per gentile concessione di Ellen Ricks

Da quel momento in poi, l'abbigliamento di Forever 21 è diventato una parte importante del mio guardaroba. C'era il gilet di pelliccia sintetica che indossavo durante il mio primo bacio. L'abito da serbatoio a stampa rosa senza schienale che indossavo quando finalmente mi sentivo abbastanza sicuro di mostrare la mia cicatrice da chirurgia della scoliosi. E l'abito da skater nero con maniche a rete che ho indossato per la mia prima lettura in una stanza piena di gente. In realtà, non ci sono molte pietre miliari nella mia vita in cui non stavo indossando abiti dal negozio. Alcuni pezzi sono ancora nel mio armadio oggi dopo anni di usura, durano più a lungo delle mie piante d'appartamento e alcune delle mie relazioni. Forever 21 non era solo un ottimo posto per provare le ultime tendenze a buon mercato, ma anche un posto dove potevo comprare magliette, jeans e abbigliamento semi-professionale a un prezzo inferiore, rendendo lo stile accessibile. Ho anche trascorso parte del mio 21 ° compleanno a Forever 21, in parte per scherzo e in parte perché avevo bisogno di qualcosa da indossare per il mio tirocinio.

Ma quando sono cresciuto, il mio amore per Forever 21 è svanito. Il mio corpo è cambiato e la mia immagine corporea è peggiorata. Le mie tette non erano abbastanza grandi; il mio stomaco non era abbastanza piatto; tutto sembrava filtrato attraverso uno specchio della casa divertente. Alla fine questo si è manifestato in un disturbo alimentare potenzialmente letale. Presto i miei viaggi al centro commerciale sono diventati meno emozionanti e più lancinanti quando lo spogliatoio è diventato una camera di tortura. Le taglie sembravano assolutamente incoerenti: i jeans di varie taglie si adattavano tutti allo stesso modo. Le camicie con le stesse dimensioni sull'etichetta si adatterebbero in modo completamente diverso, rendendolo un campo minato mentale per la dismorfia del mio corpo. Indipendentemente dalla quantità di peso che perderei, rimarrei la stessa taglia di abito, spingendomi più a fondo nella mia malattia di cercare di raggiungere un obiettivo di peso irraggiungibile. Mi sono sempre chiesto perché i loro modelli sembravano molto più vecchi e più sottili rispetto allo shopper medio. E mentre una parte logica di me ha capito che quei modelli erano fortemente Photoshopped, non mi ha impedito di sentirmi male per non assomigliare a loro. Forever 21 non ha causato il mio disturbo alimentare, ma le dimensioni inconsistenti e i modelli troppo aerografati sicuramente non hanno aiutato il mio recupero o l'immagine del mio corpo.

Annuncio pubblicitario

Foto per gentile concessione di Ellen Ricks

lupita nyong'o met gala

Il fatto di crescere è rendersi conto che le cose che adoravi quando eri più giovane ora sembrano fuori posto, anche strane. Capisci le battute sessuali nei cartoni animati, sai che Ross è Amici è in realtà il peggior ragazzo di sempre, e ti chiedi perché il tuo preside della scuola media abbia suonato 'Get Low' in tutti i balli della scuola. Forever 21 rientra in quella categoria. Gli scaffali che un tempo erano un'avventura ora sembrano solo disordine. Ci sono versetti casuali della Bibbia sugli abiti, come una maglietta con Giosuè 1: 9, e Giovanni 3:16 è sul fondo di ogni borsa gialla. Il negozio che un tempo portava abiti semplici e cardigan convenienti che potevo indossare per i miei tirocini ora aveva camicie dai tagli strani e un abito tubino Cheetos - e non dimentichiamoci del tempo che avevano la collezione USPS. Ho imparato di più sugli orrori della moda veloce, dall'uso delle felpe al furto di design da parte di designer più piccoli. Comincio a fare shopping di più nei negozi dell'usato e nelle piccole imprese. Quando ho ordinato da Forever 21, la qualità dei vestiti non era eccezionale o la vestibilità era sbagliata. E quando il negozio ha iniziato a inviare barrette dietetiche ai clienti, avevo ufficialmente finito.

Con la notizia della dichiarazione di fallimento di Forever21, sembra che il negozio ideale per i miei ragazzi e i primi anni '20 non esisterà per molto più tempo. Così poche settimane fa, per l'amor del passato, e poiché il negozio aveva uno sconto del 70% sulla vendita, ho deciso di fare un viaggio di un'ora al centro commerciale. Il centro commerciale che una volta sembrava bello e alla moda era quasi morto, e il negozio che amavo non era più un posto eccitante in cui trovarsi. Le luci erano troppo luminose, le cremagliere sembravano caotiche e una delle magliette che avevo in mano aveva alcune cuciture strappate. Mi trovavo nello stesso spogliatoio in cui ero stato alla mia prima visita, provando una tuta che si adattava al mio petto ma non alla mia vita e cercavo di non pensarci troppo. Il negozio non era ancora chiuso, ma sembrava ancora vuoto e anche la mia esperienza di acquisto era fallita.

Mentre la luce sul lampadario sopra di me ha iniziato a tremolare e morire, ho pensato a come ci fosse un tempo in cui questo negozio significava tutto per me. Gli abiti hanno definito tutta la mia autostima e autostima; mi hanno fatto sentire a volte fresco e cresciuto e altre volte fuori posto e senza valore. Lo stile è ancora importante per me, ma ora è diverso. Mi vesto per la persona che sono, non per la persona che spero di essere. Ciò significa fare shopping in luoghi in cui il mio corpo è il benvenuto, dove mi sento come se stessi praticando un comportamento sostenibile del consumatore e, soprattutto, i luoghi in cui mi sento sono stati creati pensando a me. Dopo tutto, nessuno rimane 21 per sempre.