La debacle di George W. Bush di Ellen DeGeneres è una lezione sugli svantaggi della politica di assimilazione

Politica

In questo editoriale, Lucy Diavolo di Teen Vogue esamina la recente controversia sull'apparizione pubblica di Ellen DeGeneres con (e difesa) dell'ex presidente George W. Bush.

Di Lucy Diavolo

9 ottobre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Foto: Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Ellen DeGeneres è stata criticata questa settimana dopo che le riprese di una partita di football della NFL le hanno mostrato di condividere una risata con l'ex presidente George W. Bush. In questione con le buffonate gioviali dell'ospite televisivo c'è il fatto che Bush è considerato da alcuni di sinistra un criminale di guerra che ha contribuito a rivitalizzare il conservatorismo sociale a livello federale. L'intera debacle è un'importante lezione negli svantaggi della politica di assimilazione.



DeGeneres ha affrontato la controversia nel suo spettacolo, The Ellen ShowMartedì, raccontando alla folla che era stata invitata a una partita dei Dallas Cowboys da Charlotte Jones, la figlia del proprietario dei Cowboys Jerry Jones, il cui personaggio pubblico è così grande che persino lo stadio Cowboys è ufficiosamente noto come 'Jerry World'. Mentre era lì, finì seduta accanto a Bush.

brenda chanson musique

'C'erano 100.000 persone in questo stadio - bellissimo stadio, tra l'altro, che Dallas ha', ha detto DeGeneres nel suo spettacolo. 'Ci sediamo in questa suite molto elegante perché, sai, possiede l'intero posto, quindi la sua suite è elegante e ha amici fantasiosi, e non intendo come Casalinga reale fantasia, voglio dire fantasia'.

DeGeneres ha quindi riprodotto un video che mostrava Bush seduto accanto a lei, facendo una faccia sorpresa che ha lasciato il posto a un sorriso. Quando finì, disse: 'Sì! Fantasia'!

'Quando siamo stati invitati, ero consapevole che sarei stato circondato da persone con opinioni e credenze molto diverse', ha detto DeGeneres. 'E non sto parlando di politica - stavo facendo il tifo per (gli avversari dei Cowboys) i Packers'.

'Durante il gioco, hanno mostrato a George e me di ridere insieme, e quindi la gente era arrabbiata', ha continuato. 'Pensarono, perché un liberale di Hollywood gay è seduto accanto a un presidente repubblicano conservatore? Non ho nemmeno notato che sto tenendo il nuovissimo iPhone 11 '. DeGeneres ha quindi lanciato una conferenza sull'essere gentile con le persone con punti di vista diversi e ha mostrato un tweet dicendo che il suo incontro con Bush ha dato a qualcuno 'di nuovo fiducia in America'.

Figlio di una famiglia ricca e potente, Bush ha pattinato attraverso scuole d'élite mentre si recava a lavorare nell'azienda di famiglia e ha vinto la presidenza in un'elezione che ha costretto molti a mettere in discussione la natura fondamentale della nostra democrazia. (Suona familiare?) Anche se può sembrare ingenuo o persino carino nella retrospettiva post-Trump, per gran parte della presidenza di Bush, è stato detestato dai liberali, tra cui (come suggerisce DeGeneres) molti a Hollywood. La controversia che circonda il voto in Florida nel 2000 - dove suo fratello Jeb era governatore all'epoca - iniziò il suo intero mandato con domande sulla legittimità delle sue elezioni.

Annuncio pubblicitario

La sua presidenza è stata definita all'inizio dell'11 settembre e dall'invasione dell'Afghanistan. Ma è stata l'invasione dell'Iraq del marzo 2003, in parte basata pubblicamente sulla falsa affermazione che la leadership irachena aveva armi di distruzione di massa (armi di distruzione di massa), che gli ha dato la reputazione di presidente che ha mentito per entrare in una guerra che si ritiene abbia avuto ha ucciso centinaia di migliaia di civili iracheni. L'invasione e la successiva occupazione dell'Iraq da parte delle forze militari statunitensi sono state anche criticate come una guerra petrolifera e hanno portato a un pesante controllo dei legami di Bush con l'industria dei combustibili fossili, dove ha lanciato la sua carriera.

Nel frattempo, su questioni sociali interne, Bush nel 2004 ha appoggiato un emendamento costituzionale per vietare il matrimonio gay. Prima della sentenza della Corte Suprema del 2015 Obergefell v. Hodges ha reso l'uguaglianza matrimoniale la legge del paese, un'aspra lotta ha avuto luogo in tutto il paese, e la risposta di Bush è stata quella di superare il quasi impossibile processo di modifica costituzionale per porre fine al dibattito.

Emma et Ryan

DeGeneres potrebbe ricordare questa era del movimento LGBTQ. Il suo matrimonio del 2008 con l'attrice Portia de Rossi è stato molto pubblicizzato quando è arrivato nel mezzo della battaglia legale sul matrimonio gay in California. Risalente alla sua uscita nel 1997, come spiega NPR, DeGeneres è stata un volto pubblico per le persone gay, un'icona gay per le persone eterosessuali che ha contribuito a destigmatizzare e normalizzare le persone gay. Lungo la strada, ha incarnato lo stesso tipo di simpatia apolitica che 'evita' che ha messo in mostra nella sua spiegazione del suo incontro con Bush.

'Sono amico di George Bush. In effetti, sono amico di molte persone che non condividono le stesse convinzioni che ho io ', ha detto DeGeneres. Ha usato l'idea della diversità per difendere quelle relazioni, dicendo: 'Siamo tutti diversi, e penso che abbiamo dimenticato che va bene che siamo tutti diversi'.

Il fatto che DeGeneres sia così ansioso di sostenere che i suoi fantasiosi amici possano essere ideologicamente diversi da lei mi ricorda una citazione accreditata al comunista italiano Antonio Gramsci che recita: 'L'unità storica della classe dirigente è realizzata nello stato'. Sebbene gran parte del lavoro di Gramsci sia stato in risposta alla sua prigionia da parte dello stato fascista di Mussolini in Italia, ho pensato alla sua citazione quando ho visto una standing bipartisan per il presidente Donald Trump, come altri hanno visto quando hanno visto Trump giocare a golf con l'ex presidente Bill Clinton o l'ex first lady Michelle Obama che si avvicinano a Bush.

In un'era di presidente di reality TV, la nostra cultura pop è la nostra politica. DeGeneres ha vissuto con questo fatto per anni come una donna gay con una piattaforma pubblica così grande. Mentre non fa parte dello stato stesso come Bush, Trump, Clinton e Obama, i legami profondi tra la politica di Hollywood e degli Stati Uniti la rendono parte di una classe dirigente di amici 'fantasiosi' che vanno in giro nella scatola dei proprietari a Giochi da cowboy.

Quando DeGeneres disse che la gente si chiedeva perché un 'liberale di Hollywood gay' fosse seduto accanto a 'un presidente repubblicano conservatore', sembrò mancare che molte persone sentivano di sapere già perché: perché i potenti liberali hanno interesse a riabilitare l'immagine di un ex presidente americano, per quanto triste possa essere il suo record, per conservare la fiducia nella versione dell'America, dove i ricchi di destra e di sinistra possono trascorrere una piacevole domenica pomeriggio insieme. Che DeGeneres stordisca ora per la sua amicizia con Bush è un problema per una persona ricca.

Annuncio pubblicitario

Il ruolo di DeGeneres come icona gay è stato quello di facilitare l'assimilazione delle persone omosessuali nella società etero, il che è importante. Ma ciò che la politica di assimilazione così spesso ignora è un dialogo con la politica di liberazione, un riconoscimento che far parte di un sistema rotto non è la stessa cosa di esserne liberato. È una tensione incarnata all'interno del movimento LGBTQ dalla Queer Liberation March di quest'anno a New York City, dove migliaia di persone sono scese in piazza per rimproverare ciò che vedevano come legami principali dell'orgoglio con le multinazionali e la polizia. Il vero progresso sociale prende un equilibrio tra queste cose, con l'assimilazione che spesso semplifica la vita quotidiana, ma la liberazione offre la possibilità di affrontare i problemi anziché i loro sintomi.

Il fatto che DeGeneres sia applaudita per aver difeso la sua amicizia con Bush è anche un toccante promemoria di chi viene premiato per prendere una posizione. Come ha sottolineato la scrittrice e produttrice TV Muna Mire su Twitter, gli sforzi per riabilitare Bush fanno sorgere la domanda: 'Dixie Chicks ha sofferto per questo' ?!

https://twitter.com/muna_mire/status/1181711810262683648

I Dixie Chicks, un atto in tre pezzi country che ha iniziato a pubblicare musica nei primi anni '90 prima del loro debutto nella grande etichetta nel 1998, è stato notoriamente ostracizzato da tutta la sua industria dopo che la cantante Natalie Maines ha detto a una folla di concerti giorni prima dell'invasione dell'Iraq ', Non vogliamo questa guerra, questa violenza e ci vergogniamo che il presidente degli Stati Uniti venga dal Texas ”.

Come Pietre rotolanti note in una storia dell'episodio, i Dixie Chicks erano su una serie di tre album di successo prima della controversia, ma i commenti di Maines hanno suscitato boicottaggi, divieti radio e persino minacce di morte. Fino al loro ritorno nel 2020 con accendigas, l'unica versione del trio dal 2003 era del 2006 Prendendo la strada lunga, che includeva diverse canzoni che rispondevano all'intera situazione di Bush. A parte l'iconico inno 'Not Ready to Make Nice', la traccia 'The Long Way Around' ha una linea che serve a prendere in considerazione la debacle di DeGeneres in Dubya.

'Mosso dagli agitatori, non avrebbe baciato tutti i culi che mi avevano detto', canta Maines nella canzone. 'Ma io, non potrei mai seguire. No, non potrei mai seguirlo '.

Dobbiamo tutti tracciare le nostre linee tra l'assimilazione e la liberazione e fare scelte scomode. DeGeneres e Bush forniscono un modello per un pericolo di assimilazione: puoi farcela con la festa in maschera, ma gli altri ospiti possono essere tutti mostri. Mentre la Corte Suprema considera la questione dei diritti LGBTQ in materia di lavoro con due conservatori nominati da Bush (John Roberts e Samuel Alito) e un altro che ha lavorato nella sua Casa Bianca (Brett Kavanaugh, che Bush ha difeso contro le accuse di violenza sessuale durante il suo processo di conferma) apparentemente per opporsi all'espansione dei diritti civili, chiedo: stiamo meglio gridando dall'esterno delle feste fantasiose o ridendo con le persone potenti dentro?

jeffree star laura lee drame

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Keke Palmer non ha riconosciuto Dick Cheney. Ecco cosa dovrebbe sapere dell'ex vicepresidente.