Un tuffo profondo nella cultura e nel campo neri

Stile

Dagli spettacoli di capelli alle icone della moda come Lil 'Kim e Dapper Dan.

Di Scarlett Newman

3 maggio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Quando si tratta di accampamento, una rapida ricerca su Internet farà apparire la definizione 'ostentata, esagerata, colpita, teatrale' e, con un tuffo più profondo, immagini di icone di campi come Lady Gaga e Cher. Mentre il campo si basa sull'essere esagerati nell'esprimere la tua identità e, alla sua base, viene spesso esplorato attraverso la strana sessualità e sensibilità, spesso viene anche guardato principalmente attraverso una lente di bianchezza. Eppure l'accampamento come un'estetica che riguarda l'oscurità abbraccia molte discipline, da Vaudeville e spettacoli di menestrello e l'età d'oro del cinema di Hollywood a tradizioni di bellezza nera come il Bronner Brothers International Beauty Show e il Detroit Hair Wars alla cultura del ballo gay degli anni '80 e gli ideali esagerati e sgargianti della moda che sono nati dall'hip-hop.



Il tema Met Gala di quest'anno, 'Camp: Note sulla moda', che si è incorniciato attorno al saggio 'Note sul campo' di Susan Sontag del 1964, 'esplorerà le origini dell'estetica esuberante del campo e come la sensibilità si è evoluta da un luogo di marginalità (strana) diventare un'influenza importante nella cultura tradizionale '. Come l'estetica generale del campo, il saggio di Sontag sembra caratterizzare il campo come binario e ironico, applicando i binari a classe e genere e apparentemente ignorando la razza. Nell'elenco del saggio di 'esempi casuali di oggetti che fanno parte del canone dell'accampamento', l'unica persona di colore citata da Sontag sembra essere la cantante pop cubana La Lupe. Molti altri importanti saggi e articoli sul campo lasciano le personalità nere fuori dalle loro liste, tranne RuPaul e Nicki Minaj. Ma chi sono le icone nere del campo e perché non fanno parte del discorso più ampio, come icone o partecipanti?

'Una delle ragioni per cui la cultura nera non rientra nella conversazione del' campo 'è perché il termine stesso ha molte basi nella moda teatrale, stravagante, esagerata ed estrema', dice lo storico della moda Darnell Lisby Teen Vogue. 'Anche se credo che ci siano così tanti esempi di' campo 'nella cultura nera, vi è un ampio tratto di vernice sull'esperienza nera, che viene percepita come calpestata invece che vibrante. In sostanza, sembra che molti si dimentichino di icone come Prince o Jimmy Hendrix, che erano l'epitome di questo termine '.

MODA CAMP NERA

Cam'ron

Djamilla Rosa Cochran / Getty Images

Nel suo saggio, Sontag afferma che 'il campo è un certo modo di estetismo. È un modo di vedere il mondo come un fenomeno estetico. In questo modo, la via del campo, non è in termini di bellezza, ma in termini di grado di artificio, di stilizzazione '. Non riesco a pensare a un esempio migliore di questo dell'influenza dell'hip-hop sulla moda: emergendo dall'intersezione di razza e classe, lo stile hip-hop ha radici sartoriali nell'artificio, nell'opulenza e nell'esagerazione. L'abito tutto rosa di Cam'ron, dal 2002, viene in mente altamente stilizzato, ma senza pretese. Visivamente, la sua stravagante interpretazione dello stile hip-hop maschile era, per il suo tempo, audace e ironica nel modo in cui l'outfit si presentava come ipermasculina mentre metteva in scena la testa ai piedi nella tonalità iperfemminile del rosa baby.

Annuncio pubblicitario

Lil 'Kim

Nick Elgar / Getty Images

Un altro esempio lampante è il lessico di stile di Lil 'Kim, che ha le sue radici nell'esplorazione del fascino e dell'opulenza sessuali palesi attraverso la moda esagerata. Il caso in cui Lil 'Kim sia un campo è ovvio. Dalle parrucche viola e blu alla sua iconica tuta viola realizzata per coprire solo un seno, ogni aspetto del tappeto rosso era puro teatro e ogni video musicale un'opportunità per la moda di prendere vita. Negli anni '90, lei e la stilista Misa Hylton hanno trasmesso temi come il sesso e il dominio a un tale estremo che sembrava quasi di trascinare Kim; il suo stile era sfacciato, irriverente e forte senza urlare.

Un Dapper e una creazione.

Michael Ochs Archives / Getty Images

E non possiamo dimenticare Dapper Dan. 'Dapper Dan è un appuntamento fisso della comunità hip-hop, che trasforma le fabbriche conservative di marchi di lusso in sagome fluttuanti che hanno rovesciato l'industria della moda', afferma Lisby. 'Ha letteralmente costruito il progetto per designer come Virgil Abloh e Shayne Oliver'.

Negli anni '80, l'hip-hop e l'alta moda non avevano ancora stretto un legame, quindi l'uso di Dapper Dan dei loghi Louis Vuitton e Gucci, intonacato su tutto, dall'interno di un'auto di lusso a una tuta, era radicale. La sua ridefinizione del lusso sfidava l'idea della moda al tempo di chi era autorizzato a indossare etichette di stilisti, che all'epoca escludevano principalmente artisti hip-hop e neri dalla cappa. Le origini di Dapper Dan sono completamente ironiche in questi modi e l'ironia incontrata con la moda è una distinta qualità di campo. Prima di Dapper Dan, c'era Patrick Kelly, un designer gay nero il cui design estetico evocava la sensibilità del campo, mentre utilizzava e rivendicava controverse immagini e memorabilia nere nel suo lavoro.

Annuncio pubblicitario

Patrick Kelly

Luglio Donoso / Getty Images

Nell'articolo 'Se non porti nessuna grinta, non venire: critica una critica a Patrick Kelly, Golliwogs e Camp come tecnica di espressione queer nera', scrive Sequoia Barnes, 'Camp è stato associato a white queer uomini dall'inizio del XX secolo. Credo che il campo sia una critica o una svolta più complessa del reale che arriva al mimetismo e alla decostruzione della rappresentazione, specialmente quando un designer nero e strano come Patrick Kelly sta cercando il potenziamento attraverso la creazione di un campo pronto da indossare '.

Le immagini di stereotipi neri nel lavoro pronto di Kelly sono sovversive nella loro critica alle nozioni tradizionali che circondano la cultura nera. Una delle caratteristiche più riconoscibili del marchio Kelly fu la sua riappropriazione del 'golliwog', un personaggio che fu reso popolare nell'era del menestrello americano. Riappropriandosi del Golliwog, Kelly potrebbe evidenziare l'assurdità delle immagini dei volti neri e ridefinire i suoi significati alle sue condizioni. Ha fatto spille pickaninny per svenire ai suoi spettacoli in passerella, e ha decostruito immagini nere 'negative' e stereotipate, come angurie e tessuto rosso bandana (associato al trope 'mammy'), e le ha ricostruite in arte alta. Rivendicare la proprietà di queste immagini e sfidare i loro significati attraverso abiti decorati e spettacoli eccessivi in ​​passerella è sicuramente un campo.

FILM NERI DEL CAMPEGGIO

The Wiz

Michael Ochs Archives / Getty Images
Annuncio pubblicitario

Anche l'oscurità e l'accampamento si fondono sullo schermo. Musical piace Cabina nel cielo e The Wiz evocare evidenti sensibilità nei campi, poiché non sono realisti nello stile ma sono invece spettacoli elaborati di una particolare esperienza nera. I film sulla blaxploitation degli anni '70 sono anche ottimi esempi con una linea di fondo del campo, o un elemento di narrazione politica messo in scena ed esageratamente evidente.

BlaP * S

Archivio AF / Alamy Stock Photo

B * A * P * S (Black American Princesses) è stato presentato per la prima volta nel 1997, con Halle Berry nei panni di Nisi e Natalie Desselle nei panni di Topolino, due aspiranti donne d'affari che vanno a Hollywood nella speranza di realizzare la loro versione del sogno americano: aprire un parrucchiere e un negozio di fusione di cibi soul. I critici dell'epoca non erano in grado di accogliere questa storia nera fuori dagli schemi, ma ironicamente usarono termini adiacenti al campo per descrivere il film e le sue carenze. Janet Maslin di Il New York Times ha usato la parola 'trash' abbastanza liberamente nella sua recensione, ed è persino riuscito a renderlo un elogio del costume del film, che è stato impeccabilmente eseguito dalla costumista vincitrice del premio Oscar Ruth E. Carter.

'Nel B * A * P * S, l'idea di divertirmi con la versione di una ragazza del sud di 'farla diventare grande a Hollywood' era per me una specie di commedia dell'arte ', racconta Carter Teen Vogue. 'B * A * P * S ha creato un look 'campy' utilizzando tessuti non convenzionali con forme e tessuti riconoscibili ma esagerati che sono stati modellati per fare una dichiarazione audace. Con questo, i personaggi diventano la versione 'camp' di se stessi nell'alta società. Esiste una stretta relazione tra 'campo' e 'farsa'. L'idea o la storia è la farsa. La farsa influenza il design. Ma è l'idea della 'serietà fallita' che dà vita a una storia chiara (cioè come apparire ricchi a Beverly Hills) e una dichiarazione audace, che è davvero un campo '.

In un Varietà recensione, Emmanuel Levy ha descritto il film come 'assolutamente formulaico' e 'disgustosamente falso', e ha detto che Berry 'risulta troppo intelligente e raffinato nel film per sfoggiare una pettinatura bionda e denti d'oro', che parla al tutto- idea troppo familiare che personaggi e personaggi neri non possano esistere in un incrocio, ponendoci dei limiti anche al di là del cinema. L'acconciatura bionda di Nisi, i denti dorati e il body aderente in vernice color mandarino sono ora impressi nell'eredità delle iconiche immagini di moda nera.

CAPELLI NERI DEL CAMP

Detroit Hair Wars

Monica Morgan
Annuncio pubblicitario

Gli aggiornamenti intricati in B * A * P * S riflette un momento cruciale negli anni '90 con la comunità dei capelli neri. Le acconciature scultoree esagerate stavano guadagnando popolarità e stili classici come lo chignon e le onde delle dita venivano reinterpretati con un tocco urbano. All'epoca, i capelli neri sembravano più un'arte, invece di funzionare come uno stile pratico. Questo era prevalente agli spettacoli di capelli, come il Bronner Brothers International Beauty Show e la Detroit Hair Wars.

Questi spettacoli di capelli continuano a celebrare l'infinito potenziale dei capelli neri nei modi più non convenzionali e affascinanti e spesso incorporano routine di danza tecniche e scenografiche che aggiungono un ulteriore livello al dramma, servendo l'opulenza a titolo di esagerazione per gli spettatori.

The Hair Wars sono stati avviati dal DJ di Detroit David Humphries, alias 'Hump the Grinder', sia come un modo per dare ai parrucchieri neri un forum per mostrare le loro creazioni sia come una delle 'gimmick party' di Humphries per mantenere le cose interessanti nei club ' .

combien de sang sort lorsque vous éclatez votre cerise

'Gli spettacoli di Detroit Hair Wars erano un campo puro', afferma lo studioso di cultura pop e cosmetologo in pensione Clitha Mason. 'Non solo gli spettacoli possedevano la strana sensibilità che è un campo essenziale, ma erano sovversivi in ​​modi che criticavano l'opulenza rappresentata dalla ricca popolazione bianca attraverso interpretazioni iperboliche di stili di vita opulenti. Ispirati allo stile da club-capretto, stilisti e modelli neri indossavano costumi stravaganti, eseguivano scenette e danzavano come parte di truppe e ensemble '.

Bronner Bros. International Beauty Show

Erika Goldring / Getty Images

Il Bronner Brothers International Beauty Show è stato annunciato come la 'settimana della moda per parrucchieri'. Mentre lo spettacolo presenta una varietà di competizioni, è la Fantasy Competition che esibisce gli occhiali per capelli più audaci e fantasiosi, comprendendo la sensibilità del campo e le moderne interpretazioni visive che definiamo oggi.

'Gli spettacoli di fantasia sono iniziati a metà degli anni '50 e lo scopo era davvero quello di togliere i limiti alla creatività dello stilista', afferma James Bronner, vicepresidente delle operazioni fieristiche. 'La fantasia non era limitata da norme sociali o applicazioni pratiche di stile. Il limite è stato tolto dalla tua creatività per consentire agli artisti di essere disinibiti nella loro espressione. Sono limitati solo da due cose: la loro immaginazione e la maestria delle loro mani per portare quella immaginazione in manifestazione. Vedrai cose come le ciotole di pesce sulla testa delle modelle o una persona vestita da Avatar dalla testa ai piedi '.

Mentre ci sono esempi nella cultura nera che si allineano con il tema mentre risuona con le comunità queer, molta espressione del campo nero è radicata nell'auto-presentazione e nella conservazione. Quindi, per capire come la cultura nera si inserisce nelle conversazioni intorno al campo, è necessario un riesame del termine che non è fortemente dipendente dal saggio di Sontag.

L'artificio e il glamour sono due attributi del campo che i neri usano per resistere a una varietà di cose, come la discriminazione, per impedire al mainstream di definirci. Il campo è esistito in tutta la cultura del nero e nel design della moda nera, ma spesso l'arte viene analizzata esclusivamente attraverso la lente del nero e aliena le interpretazioni intersezionali, o anche meno gravi, dell'arte. Il modo in cui il campo si inserisce nella cultura nera è una testimonianza della complessità e della sfumatura dell'arte nera. Dai primi esempi di intrattenimento nero al contemporaneo, il campo è stato uno dei tanti fili comuni nel tessuto della nostra espressione artistica.